I blog : La blogosfera

Da Wiki Corso Web.

Indice

STATO=Libero

2034811099_3eb0b1b5df_m.jpg

Cosa si intende per blogosfera [Chiara Pedullà]

Blogosfera è un neologismo che indica, nell'ambito di internet, l'insieme dei blog.
Il termine inglese blogosphere è stato coniato il 10 settembre 1999 da Brad L. Graham, voleva essere uno scherzo ma p poi stato preso seriamente in considerazione due anni dopo, nel 2011 da da William Quick.
Il termine blogosfera indica tutto l’insieme delle connessioni tra i blog che sono fortemente interconnessi fra di loro grazie a link, citazioni, condivisioni, commenti. Tutto questo crea una vera e propria rete sociale con una propria cultura che viene appunto detta blogosfera.
Il termine ricorda la parola logosfera (dal greco logos che significa parola , e la sfera , interpretata come mondo ), "il mondo delle parole", l' universo di discorso. ] 6425904945_7e5f968f09_m.jpg"



La blogosfera e media e social network [Chiara Pedullà]

Un certo numero di media negli ultimi anni hanno iniziato a trattare la blogosfera come un indicatore di opinione pubblica, ed è stato citato nel lavoro sia accademici e non accademici in riferimento a molti fenomeni o i blogger influenti della blogosfera.
Nel maggio 2006 uno studio ha dimostrato che esistono oltre 42 milioni di blogger che contribuiscono alla blogosfera. Oggi si stima che ci sono più di 172 milioni di blog identificati e che più di 1 milione di nuovi messaggi viene prodotto dalla blogosfera ogni giorno.
Siti come Technorati , BlogPulse , Twitter , e BlogScope tracciano le interconnessioni tra i blogger grazie ai link che fungono da indicatori sugli argomenti che i blogger stanno discutendo, questi siti possono seguire un pezzo di conversazione e il suo movimento da blog a blog. Questi siti possono anche aiutare i ricercatori a studiare come l’informazione si diffonde attraverso la blogosfera e quali sono gli argomenti più discussi.
Nell'ultimo decennio la blogosfera, ha avuto una crescita eccezionale e si è sviluppata come una propria rete di interconnessioni. Contemporaneamente, i blogger hanno iniziato ad impegnarsi in altre community online, in particolare siti di social networking, fondendo i due regni dei social media insieme.
Secondo Technorati Rapporto 2010 "Stato della Blogosfera", il 78% dei blogger utilizza Twitter per interagire con i propri lettori, il 72% dei blogger lo usa per la promozione del blog. (nota )

Analisi della tipologia dei blog della blogosfera [Chiara Pedullà]

“L’analisi manuale dei 1980 blog mi ha dato la possibilità di indagare la composizione dell’ecosistema comunemente chiamato, o dovrei dire “in passato conosciuto come”, blogosfera.
- 1.448 sono blog personali
- 194 sono blog facenti parte di nanopublishing network (blogo, blogosfere, nanopress, Isayblog!, ecc…)
- 53 sono blog di giornalisti ospitati dalla testata di riferimento (Espresso, la Stampa, il Sole 24 Ore, ecc…)
- 68 blog sono registrati come testata giornalistica
- 217 non sono più attivi”

Citazione da Vicosblog


Analisi sulla blogosfera italiana [Giorgia Bello***]

Immagine sulla blogosfera italiana 2011 suddivisa per argomenti trattati

Italian_Blogosphere_2011_CLUSTER_860.png


Per saperne di più ecco un'analisi molto dettagliata, comprensiva di grafici ed immagini molto interessanti, sulla blogosfera italiana:


Qui sotto vi propongo invece una "blogosfera interattiva" : si può navigare nella blogosfera e ricercare il proprio blog.

La dimensione dei pallina indica l'importanza del blog ovvero quante sono le citazioni a quel blog sul web. Le linee blu sono citazioni reciproche fra i blog collegati.

Chiude Splinder. Ucciso da Facebook e Twitter? [Simone Compagnone]

La storica piattaforma italiana darà l'addio alla Rete a gennaio 2012. E i killer, oltre ai concorrenti, sono i social network. HTML Online Editor Sample

Splinder chiude. A partire dal 31 gennaio 2012, i blog ospitati dalla piattaforma saranno dismessi. Come recita la homepage del portale, le centinaia di migliaia di utenti iscritti saranno avvisati a breve sulle modalità di recupero delle loro gesta digitali e sulla possibilità di traslocare su un nuovo indirizzo - anche se forse resta una possibilità di salvataggio da parte di Banzai Media. Tuttavia alcuni blog sono già stati inghiottiti dal nulla senza che i proprietari abbiano potuto fare niente. Lanciata da Tipic Inc (Gruppo Dada dal 2006) nel 2001, Splinder è una delle piattaforme storiche del blogging nostrano e ha festeggiato nel 2008 il superamento di 400mila diari aperti. Punto di forza della soluzione è, anzi era, l' incoraggiamento a quella condivisione fra utenti che dall'avvento di Facebook e company è diventata una vera e propria ossessione. Motivo per cui la chiusura del servizio impone una riflessione sullo stato di salute della blogosfera, oltre a essere imputabile a ricambi fisiologici che abbiamo imparato essere in Rete molto più repentini rispetto al mondo reale (vedi la chiusura di Geocities o il declino di Myspace).



Cosa prova la rete?

We Feel Fine è un progetto nato nel 2005 con l'intento di esplorare quali sono i sentimenti che gli utenti, da ogni parte del mondo, esprimono sulla rete attraverso i propri blog (in lingua inglese). Il funzionamento del sistema sembra banale, ma negli anni si è dimostrato piuttosto efficace. In sintesi, il sistema ricerca all'interno degli ultimi post pubblicati sui blog della Rete le occorrenze di "I fell" o "I'm feeling" e registra nel proprio database l'intera frase corrispondente (ed eventuali immagini associate), assegnando ad essa un sentimento (ex sad, happy, depressed...). Oltre a ciò, grazie alle informazioni presenti sul blog, cerca di assegnare ad ogni affermazione alcuni dati relativi all'autore della stessa (ex età, sesso, collocazione geografica...). Il processo di catalogazione di nuove frasi è periodico e grazie a ciò ogni giorno il database viene aggiornato con 15000/20000 nuovi elementi. L'analisi dei sentimenti della rete non è fine a se stessa, ma presenta diverse possibili applicazioni. Banalmente attraverso il database di "We feel fine" è possibile rispondere a domande come: "La pioggia influisce sul nostro stato d'animo?", "Gli europei sono più tristi degli americani?", etc. Attraverso un'interfaccia grafica, organizzata come un particle system (dove ogni particle rappresenta una frase che esprime il sentiment di un utente), è possibile interagire con il vasto database del sistema. Per ulteriori informazioni rimando al sito ufficiale del progetto. Qui sotto, invece, è possibile interagire con il sistema.


Commento

Commento
Testo: Questo sito è davvero molto interessante.
Autore: Simone Compagnone







BlogFest [Chiara Pedullà]

La BlogFest  è l'evento che riunisce, ogni anno, tutto ciò che in Italia gravita attorno alle community che abbiano origine dai blog, da Facebook, da Twitter, dalle chat e dai forum e da qualsiasi altra forma sociale di comunicazione.

Ogni anno si svolgono due grandi conferenze al quale partecipano i più noti personaggi della blogosfera e del giornalismo.

Nel corso delle tre giornate, si susseguono una serie di BarCamp a tema: ogni camp è autogestito e ha il suo wiki di riferimento attraversi il quale potersi iscrivere, proporre il proprio speech da 15 minuti e conoscere tutto quello che accadrà durante ogni singolo BarCamp.
Le serata evento del sabato sera è dedicata, ogni anno, alla cerimonia di premiazione dei Macchianera Blog Awards: i trofei che premiano i migliori e siti e blog della Rete italiana.

Il luogo dell'evento, dotato di wifi gratuito, darà la possibilità a chiunque di connettersi o raccontare in tempo reale la manifestazione, condividendo foto e video dei momenti più significativi della BlogFest.

3988430873_d518fbb652_m.jpg

Blogosfera: cosa c'è di nuovo? [Sarah Cillo]

Blog-letterblocks.jpg

Il "blogging" ha fatto molta strada dal 2005. E' partito da una collezione piuttosto disorganizzata, fino ad arrivare ad una voce importante nel panorama mass-media; il blogging è chiaramente una delle stelle di Internet di oggi. "Al giorno d'oggi quasi tutti sono 'blogger' e la delimitazione tra chi ottiene 5 visitatori all'anno e 50.000 visitatori l'ora è un po 'sfocata," come sostiene Spalding.

La comunità di coloro che si chiamano "blogger" è cresciuta al punto che le generalizzazioni non funzionano più. Quando tutti sono blogger, un blogger può essere molte cose diverse. "Ci sono così tanti diversi [comunità di blogging]", ha detto Rosenberg. "C'è la blogosfera politica con le sue varie sottosezioni partigiane, la blogosfera tech (con suddivisioni per gli sviluppatori e le persone di avvio e VCS e sociali folks-multimediali e altro ancora). Il blogging è diventato mainstream, ora riflette la diversità della popolazione umana, non perfettamente, ma abbastanza per mettere in guardia tutti noi fuori dal fare dichiarazioni generali circa il suo atteggiamento o trucco ".

Questa frammentazione della blogosfera è destinato a proseguire nel prossimo decennio. I blog grandi continueranno a crescere e diventare più radicata nel panorama dei media, mentre le comunità di nicchia dei blogger sarà ulteriormente codificata. La blogosfera, come ha detto Rosenberg, continuerà a riflettere la diversità del genere umano.

In particolare, però, i blog probabilmente evolveranno nei prossimi cinque anni in modi che non possiamo ancora capire. "In questi giorni, cerco solo di godermi il viaggio", dice Spalding. Questo è un buon consiglio.

Fonte: Mashable

back





Whos here now:   Members 0   Guests 0   Bots & Crawlers 1
 
Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Forum Menu
Wikibook
Autori
Istruzioni
Widget e Social Media
Strumenti
Modifiche