Il Browser : La guerra dei browser

Da Wiki Corso Web.

Indice

STATO=libero

back

Timeline interattiva! [Morgan Salvaggio***]

Clicca sull'immagine qui sotto per vedere una completa, e simpatica TIMELINE INTERATTIVA!



La prima Guerra: IE e Firefox [Silvia Antognazza]

In questa fase durata circa 9 anni i principali contendenti furono Mosaic, Netscape e Internet Explorer. La spiccata caratteristica di questo scontro fu l'acquisizione progressiva delle quote di mercato sfiorando il monopolio. Mosaic è stato il primo browser con interfaccia grafica e in assenza di rivali è diventato leader indiscusso. Quando nel 1994 uno degli sviluppatori del progetto si divise, decise di creare un prodotto in grado di sostituire l'ormai rivale browser. Nasce così il famoso Netscape, con cui nel 1996 il 90 % degli utenti navigava in internet. In quel periodo andavano maturando nuove versioni di Internet Explorer, finchè nel 1995 Microsoft decise di integrare il proprio browser in Windows 95. La quasi totalità delle persone non ha trovato il bisogno di cercare un altro browser e fu così che in pochi anni sono cambiate le carte in tavola. Internet Explorer vinse la guerra grazie al 96 % di diffusione nel mondo.

La seconda Guerra: IE, Firefox, Chrome, Opera e Safari [Silvia Antognazza]

Microsoft ha continuato lo sviluppo di IE in maniera irregolare, senza introdurre cambiamenti importanti e creando standard non riconosciuti dal W3C. Dal 2004 al 2008 si rafforzarono progetti opensource o gratuiti che introducevano novità rilevanti dal punto di vista dell'user friendly. In quel periodo IE perse più del 30 % del mercato nonostante fosse il browser preinstallato in tutti i gli OS Microsoft. La seconda guerra dei browser non ha una data precisa di inizio ma la si può ricondurre alla pubblicazione di Windows Internet Explorer 9 quando i principali browser si scontrarono ad armi pari. La mossa vincente è stata intuita dagli sviluppatori di Google Chrome, seguiti poi a ruota da quelli di Firefox: il rilascio periodizzato e sostenuto di nuove versioni del browser ha portato alla minima supremazia sugli altri contendenti. Tutt'ora lo scontro è in atto, in attesa di una novità vincente che possa ribaltare l'equilibrio trovato.

Qui [1] possono essere trovati gli ultimi test avanzati che riuniscono i 5 browser sotto vari punti di vista.

Tutto in un video [Silvia Antognazza]

La guerra dei motori di ricerca: dalle directory ai primi motori, da excite fino alla nascita di google e l’attuale triangolo google-yahoo-microsoft.

La Storia di Internet: La Guerra dei Browser from Paolo Musolino on Vimeo.

.


Immagine esplicativa [Oscar Bertone Giordano]

browserwar.png

[[Image:]]



HTML Online Editor Sample

[Simone Compagnone] Ecco due immagini simpatiche, prese dal web, che descrivono sinteticamente la guerra dei browser degli ultimi anni:

miglior-browser

lotta

 

 

 

Video su Storia e Guerra dei Browser [Mazzotta Simone]


Video interessante che esplicita la storia e la guerra fra Browser

Per maggiori informazioni: Canale Vimeo Musolino

Il browser del 2011 è stato Chrome [Andrea Sbarra]

Fine anno, tempo di bilanci, anche per il settore dei browser che ogni giorno accompagnano la nostra navigazione. Le cifre di StatCounter ancora una volta offrono una panoramica degli ultimi 2 mesi, da cui emerge un risultato inequivocabile: Chrome, il browser di Google, è sulla cresta dell'onda. In 12 mesi è passato dal 15% al 27% del mercato, superando Firefox (sceso a circa il 25%) e puntando direttamente al confronto con Internet Explorer. Il navigatore di Microsoft è sempre il leader di mercato, ma - sempre secondo StatCounter - la sua quota ora scende a circa il 38%, rispetto al 46% di un anno fa. In coda notiamo una limitata crescita di Safari, dal 5% al 6% e una sostanziale stabilità di Opera, fermo a circa il 2% per l'intero 2011. Come sempre le cifre sono indicative, trattandosi di rilevamenti non condivisi dall'intera comunità web. Quali siano i dati definitivi, resta però evidente la crescita inarrestabile del browser di Mountain View a spese della concorrenza. Vedremo se l'anno nuovo vedrà proseguire la cavalcata di Google o se Firefox e Internet Explorer riusciranno a riprendersi dal momento di crisi.

Google ha deciso; adieu vecchi browser! [Andrea Sbarra]

Poco sicuri e non adeguati alla gestione delle ultime evoluzioni del web. Google ha deciso, dal prossimo primo agosto chiuderà la porta ai browser più anziani: chi ancora utilizza Internet Explorer 7, Safari 3, Firefox 3.5 o predecessori è avvisato. O provvede ad aggiornarsi, oppure dalla fatidica data – come recita il comunicato pubblicato sul proprio blog dalla “big G” - non potrà più visualizzare al meglio Gmail, Google Calendar, Talk, Docs e Sites.

Milioni di internauti posti di fronte a un bivio [Andrea Sbarra]

Non proprio una decisione da poco, se consideriamo che il 17% delle utenze mondiali ora dovrà dotarsi delle versioni più moderne di Chrome, IE, Safari e Firefox. Da sola, la volpe Mozilla, conta 12 milioni di fedelissimi rimasti ancora fermi all’edizione 3.5. Numeri simili riguardano gli internauti che ancora fanno uso di Explorer 6 – circa l’11% del totale – fenomeno diffuso in Occidente ma soprattutto nella nuove frontiere del continente asiatico, Cina, Corea del Sud e Taiwan

Questione discussa anche sui tavoli politici [Andrea Sbarra]

La questione non è stata presa alla leggere, addirittura all’inizio dell’anno il presidente cinese Hu Jintao e il collega americano Barack Obama hanno affrontato ufficialmente la problematica, insieme al CEO di Microsoft Steve Ballmer. Tra le motivazioni, anche il fenomeno della pirateria, sempre più dlagante, soprattutto nei paesi “border-line”. Una decisione, quella di Mountain View, presa però anche per spingere gli utenti a concentrarsi su browser avanzati che supportino lo standard HTML5.


Explorer scende sotto il 50% [Mariana Conte]

Per la prima volta in più di dieci anni la quota di Internet Explorer nella speciale classifica dei programmi di navigazione più utilizzati su Pc, smartphone e tablet realizzata dal sito Ars Technica scende sotto il 50%. Chrome, inoltre, si avvicina pericolosamente a Firefox.

Considerando solo la quota relativa alla navigazione su computer, Internet Explorer mantiene comunque il 52,6% benché abbia perso il 1,7%, mentre il browser di Google sale al 17,6% contro il 22,5% di Firefox. Chrome è il programma che più sta erodendo quote a Internet Explorer, registrando un +1,4% mentre Firefox è in stallo e Safari cresce dello 0,4%.

La navigazione da Pc cala molto lentamente rappresentando, in ogni caso, il 94% del totale, il rimanente 6%, in crescita riguarda il browsing via smartphone e tablet. In quest’ambito la fa da padrona il Safari browser con la quota bulgara del 62,1% in crescita del 6,5% grazie all’iPad, a seguire Opera Mini (18,65%), Android (13,1% sorprendentemente in declino di quasi 3 punti percentuali).

Per quanto riguarda la questione degli aggiornamenti, altro indicatore della diffusione di un browser, Chrome, grazie al fatto che l’aggiornamento automatico è la modalità più diffusa, non presenta particolarità mentre la politica di aggiornamento di Firefox, probabilmente, ha inciso sui risultati.

Attualmente un quarto degli utenti utilizza ancora Firefox 3.6 nonostante sia disponibile la 7.0.1. il restante 75% combatte con le versioni “problematiche” successive. Anche gli aficionados di Microsoft sono poco inclini all’aggiornamento: il 25,4% degli utenti usa ancora Internet Explorer 6 o, al massimo, 7. Circa il 35% degli stessi ha provato nel corso del tempo la versione 8 ripensandoci presto ed eseguendo, lentamente, l’aggiornamento al 9, anche perché non tutti i sistemi operativi Microsoft lo permettono.


"6825055259_770beb84e6.jpg"

2012 - La guerra continua [Chiara Pedullà]

Il primato mondiale di Internet Explorer con un buon 38,58% nell’ultimo mese continua ma viene fortemente minacciato sia da Chrome che da Firefox che non sono molto lontani, con un distacco rispettivamente del 11,28% che porta i browser di Google al secondo posto con un ottimo 27,3% e con un distacco del 13,35% dal primo per il browser di Mozilla che scende al terzo posto con un 25,23%, mentre fuori dal podio troviamo il browser Safari di casa Apple con il 6,16% che guadagna l'1,21% e Opera con l'1,97% che perde lo 0,06%.


L'utilizzo dei browser rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, però è cambiato, premiando il browser Chrome di Google che ha quasi raddoppiato il suo utilizzo, ed andando a rosicchiare una buona parte di utenza da Internet Explorer.

La situazione riguardo le posizioni in classifica in Europa invece non sono variate, resta al comando sempre Firefox con Internet Explorer subito dietro e Chrome che al terzo posto che si avvicina sempre più velocemente.

L'opinione che gira in rete è che Firefox ha perso troppo tempo rispetto a Chrome, riguardo lo sviluppo ed il progresso tecnologico e questo ha portato il browser di Google ad aumentare la sua utenza in modo significativo, ma l'utenza che il browser di Google ha acquisito proviene per la maggior parte da Internet Explorer che ha subito un calo sostanzioso, sopratutto perché Microsoft non ha voluto dare la possibilità agli utenti di Windows XP di installare Internet Explorer 9, dichiarando che le nuove tecnologie per sfruttare gli ultimi standard web, non sono compatibili con il vecchio sistema operativo, costringendoli ad utilizzare un browser diverso per poter usufruire delle nuove tecnologie messe a disposizione dai nuovi standard e dando cosi molto spazio a Chrome.
Google Chrome quindi continua la sua scalata nella guerra di browser, è giunto ormai alla versione 16 e dopo aver scavalcato Firefox è ora alle spalle di Explorer e punta, con buone potenzialità, a diventare il browser più popolare al mondo.

Test di velocità tra browser [Silvia Assi]

Prima di vedere i risultati dei test, è opportuno ricordare che la velocità non è l’unica cosa che ciascun browser è in grado di offrire: ogni browser ha una serie di caratteristiche, talvolta uniche, delle quali si dovrebbe tener conto quando bisogna fare la scelta di quale browser utilizzare.
Invece di aspettare il caricamento completo della prima pagina, questo test fa riferimento solo al tempo di caricamento necessario affinché compaia la prima finestra del browser e ci sia la possibilità di inserire l’URL. Il vincitore è Chromee, a distanza di un solo secondo, troviamo Mozilla Firefox.

Avvio.png

Sono state lanciate 9 schede diverse, caricando siti come Facebook, LifeHacker e Hulu, ed il vincitore è stato Opera, con soli 6 secondi! Chrome ne ha impiegati addirittura 22, classificandosi ultimo, mentre Firefox e IE sono secondi a parimerito, con 17 secondi.
Caricarenuoveschede.png

Si è voluto testare la nuova funzione pre-rendering di Chrome per vedere che tipo di differenza c’è in termini di caricamento di una pagina dopo aver digitato l’URL nella barra degli indirizzi. I risultati sono stati sorprendentemente favorevoli per Chrome ma, ciò che davvero ha sorpreso, è che IE è stato davvero veloce, mentre Opera e Firefox impiegato un po’ meno di tempo.
Caricamentourl.png

Non è una sorpresa ma, anche in questo caso, Chrome si è posizionato avanti alla concorrenza, con Firefox al secondo posto, IE al terzo ed Opera al quarto.
Motorejavascript.png

Ancora una volta, questi risultati dovrebbero essere abbastanza familiari. Opera distrugge la concorrenza durante i test CSS, più del solito, mentre Firefox, Chrome e Internet Explorer mangiano letteralmente la polvere.
Domcss.png

Sono state lasciate molte schede aperte (nove per la precisione) e inutilizzate per stabilire il consumo di memoria. Con grande sorpresa, Mozilla Firefox regna sovrano battendo, in sequenza, Opera, Chrome ed Internet Explorer. Se siete curiosi di sapere l’utilizzo della memoria di ogni browser senza le nove schede aperte, bisogna dire che Chrome vince realmente la battaglia di utilizzo della memoria con soli 42 MB, con Opera dietro a 48 MB. Firefox e IE utilizzano, invece, circa 63 MB di RAM senza schede aperte. Da questi dati si nota come il male di Chrome sia proprio la gestione della memoria una volta che si aprono molti tab.
Memoria.png

Facendo un rapido conteggio delle varie classifiche per ogni browser, i punteggi totali sono i seguenti:
Chrome: 69%
Firefox e Opera: 63,2%
Internet Explorer: 48%
Il vincitore è quindi il browser di Google ma Opera e Firefox sono davvero poco distanti. Discorso a parte, invece, per Internet Explorer, distaccato di 21 punti percentuali.





Whos here now:   Members 0   Guests 0   Bots & Crawlers 1
 
Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Forum Menu
Wikibook
Autori
Istruzioni
Widget e Social Media
Strumenti
Modifiche